La pulizia del Teak

Era da tempo che volevamo dare una pulita al teck di Rosina e la scorsa settimana, complice una giornata che non invogliava ad uscire, abbiamo preso la palla al balzo per fare il trattamento sul Firstino.

Essendo la nostra prima volta, per la pulizia dei legni ci siamo affidati al collaudatissimo  Teak Wonder Cleaner,  stando alle recensioni è un buon prodotto, facilmente reperibile e di facile utilizzo.Essendo alle prime armi e non conoscendo gli effetti della pulizia, abbiamo deciso di non fare il ciclo di sbiancamento dei legni anche se, con il senno di poi ( visti i risultati ottenuti dagli armatori di Cormorana), sarebbe stata una operazione da fare, ma ci rifaremo al prossimo trattamento. Per quanto riguarda la protezione dei legni ci siamo affidati a Teak Three della Osculati.

Cosa ci serve per fare il trattamento ai legni?

  • Spazzola con setole morbide
  • Pennello
  • Teak Wonder Cleaner (in commercio ci sono diverse marche)
  • Teak Three (eravamo curiosi di provare anche Nanoprom)
  • Canna dell’acqua
  • Secchio

Pronti? Via, iniziamo prendendo la canna dell’acqua e bagnando abbondantemente il teak della barca, allo stesso tempo spazzoliamo con delicatezza il teak nel senso della nervatura del legno.

DCIM100MEDIA
Passata solo con acqua e spazzola
DCIM100MEDIA
Sporco a volontà
DCIM100MEDIA
Risciacquo

Dalla quantità di sporcizia che abbiamo trovato in fase di pulizia del teak di Rosina, pensiamo che il trattamento non sia mai stato fatto e che questa, oltre ad essere la prima volta per noi, lo sia anche per lei…

Passiamo ora all’apertura del Teak Wonder Cleaner, versiamo parte del contenuto della bottiglietta nel secchio, bagnamo abbondantemente la superficie che andremo a trattare ed iniziamo a spazzolare il legno cospargendolo con abbondante prodotto. Noterete quanta altra sporcizia toglierete ancora…

DCIM100MEDIA
Prima passata con il Cleaner
DCIM100MEDIA
Notare lo sporco e il legno che inizia a riprendere colore
DCIM100MEDIA
Risciacquo

Questo passaggio l’abbiamo ripetuto per ben 3 volte, fin tanto che il legno al passaggio della spazzola non rilasciava più sporco. Qui sotto un esempio di due parti, una trattata con il cleaner e l’altra ancora da trattare.

DCIM100MEDIA
Parte trattata
DCIM100MEDIA
Parte non trattata

A questo punto, completata la pulizia dei legni, attendiamo il tempo necessario affinchè si asciughino completamente e iniziamo il trattamento con il Teak Three, abbiamo scelto questo prodotto poichè leggendo svariate recensioni, questo olio a differenza di altri, con teak bagnato non unge o sporca. Confermiamo che effettivamente è così.

Iniziamo quindi con la prima delle 3 mani di olio protettivo, ricordiamoci che tra una mano e l’altra dobbiamo attendere almeno mezz’ora.

DCIM100MEDIA
1° Passata di Teak Three

DCIM100MEDIA

DCIM100MEDIA
Primo passaggio dato

Noterete, dopo il primo passaggio come il legno tenda a scurirsi, non preoccupatevi è un effetto temporaneo, non appena sarà completamente asciutto tornerà del suo colore originale. Dando la prima mano di protettivo abbiamo visto che il legno assorbiva moltissimo prodotto e per questo abbiamo deciso di stenderne 3 mani.

Il risultato ad asciugatura avvenuta è questo…

DCIM100MEDIA
Panca di sinistra
DCIM100MEDIA
Panca di dritta
DCIM100MEDIA
Falchetta

In definitiva è un lavoro semplice ma che occupa parecchio tempo, a noi ha dato grande soddisfazione vedere il Teak della nostra barca tornare a splendere, ridando al First il carattere da “big”  che merita!

Buon Vento a tutti!